Après-midi au Marais

Un Pomeriggio al Marais

Mentre l’Eurostar sfila lentamente tra le palazzine delle banlieue, ripenso alle mie quattro precedenti visite a Parigi. Ogni volta, dalla prima a 11 anni alla più recente di un paio di anni fa, è successo qualcosa di spiacevole: bagagli smarriti, treni mancati, amicizie distrutte, colpi di calore e mal di schiena paralizzanti.
Esco dal treno con un sorriso determinato: questa volta andrà tutto bene, farò andare tutto bene. E poi con solo 8 ore da passare a Parigi, è un obiettivo fattibile.
Come ormai è diventata un’usanza, mi affido al bike-sharing, inforco una goffa Vélib’ e mi lancio per le strade, un po’ trafficato ma tutto sommato neanche troppo male per le biciclette.Caffè buono a Parigi: Boots Café
Ho un po’ di tempo prima del walking tour, che investo mangiando una scontata ma buonissima baguette e prendendo un caffé. In genere bere un caffé a Parigi è una punizione, il prezzo da pagare per avere un posto in prima fila sui tavolini lungo la strada, ma per fortuna trovo un posto dove fanno un ottimo flat white: un buco nel muro chiamato Boot (19 rue du pont aux choux). Si fanno spedire i chicchi di caffé dalla torrefazione del Five Elephant Café a Berlino, e sanno proprio il fatto loro!

Il mio primo Walking Tour

Astrid, l’entusiastica guida di Discover Walks, conduce me e altri 4 per le strade del Marais, il quartiere dove storia e modernità convivono, situato fra Bastille, Notre Dame e il Centro Pompidou. Camminiamo di fronte a bellissimi palazzi aristocratici e negozi trendy di design, attraversiamo silenziosi cortili nascosti e movimentate strade di negozi. Le radici di questa zona affondano in profondità nella storia, ma la sua apertura verso nuove comunità gli dà un’atmosfera vivace e moderna. Astrid ci ha portato in posti che non sarei mai stato in grado di trovare da solo, ha fornito utili contesti storici, e mi ha fatto rivalutare l’idea dei walking tour.

Overdose di Gallerie d’Arte

Prima di sguinzagliarci con l’ultimo conclusivo voilà, Astrid mi indica un po’ di gallerie d’arte da visitare. Il Marais è una miniera d’oro per quanto riguarda le gallerie d’arte private: cercando la Galerie Perrotin ne ho trovate almeno una ventina: dalla magnifica Galerie Particulière alla piccola Galerie Cinema (visitate la stanza in fondo per scoprire perché si chiama così). La maggior parte di esse si trovano fra Rue Vieille du Temple e Rue du Turenne, e ci sono viette come Rue Saint Claude che hanno solo gallerie e studi di design uno di fianco all’altro. È un ottimo modo di fare il pieno di arte senza pagare biglietti, fare code o sgomitare davanti ad un quadro con qualche spietato turista col selfie-stick.

Street art a Marais Parigi

L’arte fuoriesce dagli atelier, sui muri del Marais

Saltellando da un atelier all’altro non mi rendo conto che il tempo di andare in stazione si è avvicinato. Mi tocca salire sulla prima Vélib’ e lanciarmi verso la Gare de Lyon senza bere il tanto agognato bicchiere di vino, ma me ne vado soddisfatto. Non mi sono innamorato di Parigi ma almeno, questa volta, l’ho vissuta con piacere. Perdendomi in bici per strade secondarie ho apprezzato un volto più umano della città, ho incontrato persone gentili e bevuto del buon caffé, il che riassume piuttosto realisticamente le mie aspettative da un viaggio. Finalmente ho interrotto la striscia di visite sciagurate e lascio Parigi con una solida, amichevole stretta di mano.

Arte di strada a Marais, Parigi

Confessione finale

Ho scritto gli appunti per questo articolo sul treno notturno per Milano. Ho dormito in uno scompartimento a 6, nel lettino più in basso che altro non è che la fila di sedili dove siedono i passeggeri. Mi sono svegliato a Milano Centrale ricoperto di punture di chissà quale insetto o acaro. Un braccio e un piede erano gonfi e sfigurati a tal punto che ho dovuto prendere gli antibiotici. Grazie per la pugnalata alle spalle Parigi!

Gallerie d’Arte al Marais

Queste sono le gallerie che mi sono piaciute di più

se conoscete altri atelier che vale la pena di aggiungere fatemelo sapere nei commenti qui sotto!

Posti e contatti utili

Ho preso parte ad un walking tour organizzato da Discover Walk (http://www.discoverwalks.com/paris-walking-tours/). È durato un paio d’ore ed è gratis, ma un’offerta al fine è apprezzata

Boot Café (Website, Facebook), il miglior caffé a Parigi. Per ora.

Breizh Café (Website, 109 rue Vieille du Temple) per assaggiare la tradizionale crépe bretone.

Rue des Rosiers la strada perfetta se vi piacciono i falafel.

Lasciaci un commento