Cosa fare a Reykjavik in un giorno

Cosa vedere a Reykjavik

La nostra permanenza a Reykjavik è stata divisa fra il nostro arrivo e la nostra partenza. In tutto poco più di 24 ore che, in una città così piccola che può essere girata interamente a piedi, può essere sufficiente.

Reykjavik vista dall'alto

Una strana chiesa e un parco di statue

Assolutamente da non perdere è una visita in cima alla Hallgrímskirkja, la chiesa più visibile e forse l’edificio più simbolico di Reykjavik. Salire al settimo piano costa solo 800ISK e se il negozio di souvenir è chiuso potete mettere i soldi in una cassetta prima di salire in ascensore. Islandesi gente onesta.
Dall’alto del campanile si può osservare la città che sembra fatta di lego.

Usciti dalla chiesa (prima di uscire prendetevi un minuto per l’imponente organo di 15 metri) a pochi passi di distanza troverete uno strano parco: il Einar Jónsson Sculpture Garden. Sarà che eravamo lì da soli con un paio di gatti sotto il cielo plumbeo, ma queste statue dalle pose drammatiche e temi spesso lugubri creano un’atmosfera alquanto inquietante.

Teatro Harpa Reykjavik

Harpa: la Sala Concerti

Dalla zona della chiesa non ci vuole molto per raggiungere la costa, anche se dalla mappa sembra lontano. Qui si trova un edificio che non passa inosservato: il teatro Harpa. Uno strano parallelepipedo irregolare composto da un alveare di vetro e acciaio che ha causato parecchie controversie alla sua costruzione per il suo aspetto insolito e la sua presenza importante. L’abbiamo però eletto a nostro edificio preferito a Reykjavik, l’ingresso è libero e gratuito anche se non ci sono eventi, e si può salire fino al terzo piano. Spettacolare.

Dove mangiare e bere a Reykjavik

La capitale islandese non è certo famosa per le sue prelibatezze culinarie, ma la sua recente ribalta nel panorama europeo e la sua verve giovane ha portato un po’ di freschezza nella cucina nordica.
È sempre più facile trovare birre locali, che può sembrare un fatto piuttosto normale, ma considerando che la birra è diventata legale solo nel 1989, questa bevanda così tipicamente vichinga è una novità.

Reykjavik Roasters

Reykjavik Roasters

Design e Caffé

Di fronte alla chiesa Hallgrímskirkja si estende Skólavörðustígur, il boulevard principale di Reykjavik che raggiunge il centro città. Lungo la via si trovano parecchi negozi di design che espongono e vendono i lavori di artisti locali. C’è anche un picolo negozio di fotografia, in un edificio coperto da lamiera verde acido, decorato con pezzi di vecchie macchine fotografiche e, ovviamente, pieno di foto.
Di fianco si trova Babalù, un café colorato ed accogliente noto soprattutto per le sue cheesecake.

Poco fuori dalla via principale c’è il nostro café preferito: il Reykjavik Roaster (Kárastígur 1), dall’aspetto berlinese con un taglio più nordico. Il caffé lì è perfetto, e pure la cioccolata calda.

Birre e cibo

In così poco tempo siamo riusciti a fare solo una cena in un ristorante, e l’abbiamo fatta nel luogo che uno si aspetta da Reykjavik: al Sægreifinn, il Barone del Mare. Sebbene piccolo e piuttosto nascosto non è un segreto: chiunque conosce la sua leggendaria zuppa di aragosta. Il resto del menu è esposto nel frigorifero, sotto forma di spiedini di pesce che verranno grigliati al momento.
Indirizzo: Tryggvagata, 101 Reykjavík / sito: saegreifinn.is

Saegrefinn a Reykjavik

Gli spiedini del Barone di Mare

La zona centrale, chiamata dai locali “101” per il suo codice fiscale, è ideale se siete in cerca di un posto dove mangiare e bere. Dopo cena siamo finiti in un altro posto molto islandeseForréttabarinn.
Dicono che qui servono il miglior pesce e frutti di mare in città, ma noi abbiamo visitato solo l’area bar che è molto bello e offre un buon numero di birre locali. Chiedete ai baristi per consigli.
Indirizzo: Nýlendugötu 14 (Mýrargata), 101 Reykjavik / sito: forrettabarinn.is

Informazioni pratiche

Raggiungere Reykjavik dall’aeroporto internazionale di Keflavik è molto semplice, anche se non avete noleggiato la macchina per quel tratto c’è un autobus che arriva fino alla stazione dei bus Reykjavik BSI. Lo shuttle ci mette meno ti un’ora e conviene prenotarlo online per risparmiare.

Lasciaci un commento