Musica dal Vivo a Londra: i Miei Locali Preferiti

Musica dal vivo biglietti LondraLa prima volta che andai a Londra rimasi stupito dalla dimensione del Time Out, che allora era un mensile a pagamento: la sua sezione musicale erano pagine su pagine che elencavano, scritto pure in piccolo, tutti i concerti del mese, giorno dopo giorno. Quando poi a Londra mi ci sono trasferito, preso dall’entusiasmo, sono andato quasi in overdose di concerti con una media di 2-3 a settimana, finché ho deciso di ridurre il passo ed essere più selettivo. Ne sono uscito con un bel curriculum di locali visitati, tra i quali c’è un piccolo gruppo a cui mi sono affezionato per l’affidabile offerta artistica e che tengo sempre d’occhio (sono questi elencati sotto!). Per tenersi aggiornati è poi sempre utile sfogliare il Time Out (ora distribuito gratis tutti i martedì) o altri giornali che si trovano in molti pub, come il Loud and Quiet o il London in Stereo.

The Lexington

Indirizzo: 96-98 Pentonville Rd, N1 9JB
Elenco concerti

Lo stupendo Lexington combina una vasta selezione di drink americani (occhio ai prezzi di certe birre però!) con degli interni retrò e una colonna sonora infallibile. Prendete una pinta al bar a piano terra prima di salire le scale per uno dei concerti quotidiani. Questo pub è famoso per introdurre parecchi gruppi emergenti, tant’è che molti, una volta emersi, ci tornano volentieri, sia per il calore del pubblico che per le dimensioni perfette della sala e del palco. Avrete capito quindi che è d’obbligo prendere i biglietti con largo anticipo, non ho mai visto biglietti disponibili all’ingresso.

Blues Bar a Londra, Soho

Il blues sanguigno dei Dust me Down

Ain’t nothin’ but…

Indirizzo: 20 Kingly St, W1B 5PZ
Website | Facebook
Ingresso gratuito. Venerdì e sabato a pagamento dopo le 20.30

Mi ci sono voluti anni per scoprire questo posto, trovato per caso mentre, con un amico, cercavamo un bar lungo la strada del suo ufficio. Il mio entusiasmo per questa scoperta sensazionale è però stato placato dalla notizia che il Blues Bar è citato su tutte le guide di Londra. E non mi stupisce visto che questo posto è incredibile. Piccolo, affollato, casinista, così in contrasto con gli altri locali eleganti e modaioli di Soho che sembra che sia stato dimenticato dai developers senza scrupoli che hanno stravolto l’aspetto di questo quartiere storico.
Se vi piace un po’ di blues non potete mancare una serata qui, arrivate presto, verso le 7, per prendere uno dei tavoli sotto il palco e non solo assistere alla serata, ma esserne parte integrante. E vediamo quanti musicisti italiani riuscirete ad individuare.

Rolling stones al 100 club londra
Sex Pistols al 100 club londra

100 Club

Indirizzo: 100 Oxford St, W1D 1LL
Website

Questo locale, se non ci fosse stato, penseri che è troppo bello per essere vero. In 70 anni di storia (ha aperto i battenti negli anni ’40) ha ospitato grandi nomi: da Louis Armstrong ai Sex Pistols e tutto il movimento punk, passando da Jimi Hendrix e David Bowie. Gli Oasis hanno esordito qui mentre i giovani Rolling Stones un concerto qui non se lo potevano nemmeno permettere. Con questo passato e la sua posizione in piena Oxford Street mi aspetterei qualcosa di molto diverso invece, passando sotto il tendone rosso e scendendo le strette scale, si fa un salto indietro nel tempo, immergendosi nella storia del rock’n’roll. Piccolo e amichevole sembra un club segreto dove ancora si possono incontrare musicisti famosi, e chissà che una delle band emergenti che andrete a vedere un giorno sarà famosa!

Sebright arms

Indirizzo 31-35 Coate St, E2 9AG
Lista concerti | FacebookMusica live Londra

Un grandioso pub in vecchio stile tipicamente East London dove i cockneys col berretto in tweed condividono armoniosamente il bancone con giovani studenti internazionali. Con la sua selezione di birre e ale locali, e gli hamburger untissimi e deliziosi, è sicuramente un posto da visitare. Ma è al piano interrato il cuore pulsante del Sebright Arms, qui infatti si trova la sala concerti, un cubo di mattoni che trasudano musica e che ha consacrato parecchi nuovi talenti. Peccato essermi perso i Jim Jones Revue, non proprio “nuovi” ma assolutamente di talento.

Paper Dress

Indirizzo: 114-116 Curtain Pl, EC2A 3AH
Lista concerti

Un posto insolito per assistere ad un concerto, si tratta infatti di un negozio di abbigliamento vintage. Alla sera spostano manichini e rastrelliere e fanno suonare le band in vetrina… non ho mai visto un concerto noioso qui. I gruppi sono accuratamente selezionati per dare alla programmazione uno stampo un po’ più originale degli altri locali, dando spesso un tocco retro o anche burlesque ai loro concerti. I drink sono un po’ costosi ma c’è anche un DJ set a fine serata quindi vale la pena. Appena chiude il Paper Dress lanciatevi allo Strongroom lì di fianco, ma correte o troverete la coda!

Heaven

Indirizzo: The Arches, Villiers Street, WC2N 6NG
Lista concerti

Tra le volte in mattoni sotto la stazione di Charing Cross si trova uno dei miei locali da concerto preferiti a Londra. La mia dimensione ideale, è piuttosto scuro e ha un’atmosfera unica; quando non ospita la sua famosa gay night ci sono sempre ottimi gruppi sul palco. Mi sono affezionato allo Heaven dopo aver visto i Tame Impala, in una delle loro prime esibizioni a Londra, quando ancora erano poco conosciuti. E’ un po’ più grande dei locali elencati finora quindi vi consiglio di prendere i biglietti con largo anticipo (ma un po’ come ovunque, del resto).

Cafe Oto

Indirizzo: 18-22 Ashwin Street, Dalston, E8 3DL
Programmae

Se rock e blues non fanno per voi, e nemmeno garage, indie e qualsiasi cosa con chitarre e batteria allora dovete andare al Café Oto. Uno dei primi posti ad aprire a Dalston, ai tempi un po’ losca e ora piuttosto modaiola, è comodamente situato tra le due stazioni Overground che servono la zona. Pensate free jazz, world music, DIY avant-garde. Fatto? Ecco, la musica proposta generalmente in questo café è molto più strana di quello a cui state pensando: guardate questo video per credere. Anche se non siete troppo propensi per queste sperimentazioni vale la pena andare ad uno dei tanti concerti gratis qui, per lo meno per l’esperienza. E se proprio vi annoiate potete svignarvela al Vortex Jazz Club, a cinque minuti a piedi da lì.

Lasciaci un commento