Cosa vedere a Budapest

 

 

La Collina di Buda

Tagliamo corto sulla collina di Buda: troverete tutte le informazioni che volete sulla vostra guida, sicuramente il primo posto che dovete visitare a Budapest. Da non perdere una visita alla collina Gellert, da cui si gode la migliore vista su Budapest, e una salita con la funicolare Budavári Sikló.

Collina di Budapest

Uno spettacolo bellissimo ci viene offerto dalla collina di Buda quando scende la notte e gli edifici si illuminano. Uno dei punti di osservazione migliori è attorno allo Szecheny Bridge, in modo da avere una piena visuale non solo della collina illuminata ma anche del ponte, che riflettono le loro luci sulle acque del Danubio blu.

Attenzione però: le luci si spengono a mezzanotte quindi fate presto con le vostre macchine fotografiche!

budapest by night

Margit Sziget

Una volta finito il nostro giro per Buda siamo scesi, passando dai Bastioni dei Pescatori, verso il fiume. Se seguite i tornanti dovreste sbucare vicino alla chiesa Budai Református Egyházközség, che ha lo stesso tetto della Chiesa di Mattia (Mátyás Templom) ma non lo stesso fascino gotico. Da lì andate a sinistra verso il ponte Margherita (Margit Hid), un ponte piegato in due in modo che ognuna sia perpendicolare ai due rami del Danubio, che si biforca per far spazio all’isola Margerita. Dal ponte parte un prolungamento che vi porta appunto sull’isola.

Giardino Giapponese

Margit Sziget merita una visita se state a Budapest più di due giorni, specialmente in giornate calde per trovare refrigerio nell’immenso parco. È abbastanza lunga quindi prendetevi una mezza giornata. Anche perché dovete assolutamente arrivare in fondo, dove ci sono i Giardini Giapponesi.

Budapest busSe avete, come è successo a noi, le ore contate vi conviene noleggiare una macchinina a pedali. Con circa 2000huf avete un bolide a vostra disposizione per un’ora. Ci sono quelli alti tipo quei pedalò che si vedono sui lungomare da noi oppure una versione leggermente più grande delle macchinine per bambini. Noi abbiamo preso una di queste ed è stato divertentissimo. L’unico difetto è che non lo si può portare dentro i giardini quindi bisogna trovare un modo per custodirlo durante la visita. Evitate poi la strada asfaltata perché ci passano gli autobus. E non hanno pietà.

 

Memoriale delle scarpe sul Danubio

Percorrendo il lungofiume dal lato di Pest, passato di poco l’edificio del Parlamento, troverete il memoriale delle scarpe. Si tratta semplicemente di un’opera composta da 60 paia di scarpe posta sulla riva del Danubio, spesso snobbata dalle guide turistiche, ma decisamente toccante.
Il Memoriale delle Scarpe vuole ricordare quegli ebrei che, durante gli ultimi anni della seconda guerra mondiale, sono stati fucilati dalle milizie “Arrow Cross” e buttati nel Danubio. A mio avviso una delle più intense opere dedicate all’olocausto.

Scarpe sul Danubio, Budapest

Parlamento e Opera

Se dovessi scegliere un edificio simbolo di Budapest opterei sicuramente per il Parlamento. Secondo in grandezza tra i parlamenti europei solo a Westminster, è bello visto dall’altra parte del fiume ma è impressionante anche da vicino.

Budapest parlamento

Situata nel cuore pulsante di Pest non perdetevi l’Opera, un palazzo dal fascino parigino, e la chiesa di Santo Stefano, ma di questo trovate informazioni ovunque. Dei musei previsti dal nostro programma abbiamo visto solo la Casa dei Fotografi (siamo molto bravi a stilare dei programmi di viaggio, ma pessimi a seguirli). Niente di che ma ci sono delle foto molto belle se vi piacciono le foto antiche che ritraggono momenti di vita quotidiana, e per il prezzo (1500huf intero, 700huf studenti) vale la pena farci un giro.

Le terme di Budapest

Da lì potete proseguire lungo Andrassy Ut, patrimonio Unesco, un vialone lunghissimo e costellato di palazzi affascinanti. Come premio per la camminata in fondo al boulevard c’è la maestosa piazza degli eroi, da cui avete una visuale completa di Andrassy Ut a perdita d’occhio, e che segna l’accesso al parco dove troverete le terme Széchenyi Gyogyfürdő.

Budapest terme

Dalla piazza prendete la strada che c’è in fondo a sinistra e seguitela per arrivare alle terme, un palazzo abbastanza anonimo visto da fuori. Non c’è bisogno che vi spieghi come sono le terme ma se andate a Budapest e non ci passate almeno un paio d’ore avete buttato via soldi e tempo.

Budapest terme interno

Lasciaci un commento