Dove dormire e mangiare in Birmania

Gli alloggi in Myanmar sono piuttosto cari rispetto al costo della vita ma, nonostante l’assenza di soluzioni super-economiche come nella vicina Tailandia, una stanza doppia costa meno di $20 (€18 circa) a persona in alta stagione. Dovrete soprattutto preoccuparvi della disponibilità in zone molto turistiche come Bagan o Inle Lake, e di dove farete finire i vostri soldi. Ma di questo parlerò in fondo all’articolo.

Cheap Accommodation Bagan

Hotel e Guesthouse

Ecco tutti gli alberghi, le pensioni, le guesthouse di cui abbiamo avuto esperienza diretta, sia perché ci siamo stati o perché li abbiamo visitati e ce ne hanno parlato bene. Tutti i prezzi indicati sono per camera doppia/matrimoniale in alta stagione.

Come prenotare un hotel in Myanmar

Delle varie tecniche di prenotazione che abbiamo provato, nessuna ha una garanzia di successo al 100%. Per sicurezza consiglierei di usare un servizio di prenotazioni online, per essere per lo meno coperti dal contratto con il sito nel caso la prenotazione non venga rispettata. Non c’è però una grossa copertura e, a parte Agoda, non troverete molto. Abbiamo provato a mandare email di prenotazione e fare telefonate, con risultati misti.
In ogni caso consigliamo di fare una telefonata poco prima di arrivare per avere conferma. Se non vi hanno tenuto la stanza almeno avete un po’ più tempo per trovare una soluzione alternativa anziché scoprirlo al vostro arrivo.

Se avete bisogno di aiuto pe prenotare un posto dove dormire in Birmania scriveteci nei commenti o tramite il modulo di contatto in fondo all’articolo.

Hotel a Mandalay

A Mandalay abbiamo dormito in due alberghi, entrambi ottimi e puliti con colazione a bufet inclusa.

Hotel Sahara
No.414/A , 80th street, 26th – 27th st (verso la fine di 80th street, vicino al Palazzo Reale)
Posizione comoda a pochi metri dalla fermata della navetta gratuita AirAsia.
:[email protected] : 02 67313 / 09 250199965
Prezzo: $ 35

Hotel Queen
81th street, 32nd – 33rd st
Abbiamo prenotato questo albergo tramite email, alcune settimane prima del nostro arrivo e la prenotazione è andata a buon fine.
: hotelqueenmandalay.com : [email protected] : +95 2 39805, 65586
Prezzo $ 45

Golden Kalaw Inn

Noi con Tin Tin Shwe che si è amorevolmente presa cura di noi

Hotels e Guesthouse a Kalaw

Kalaw è un paese piccolo e ordinato adagiato su fresche colline, e tutti gli alberghi e pensioni che abbiamo visto sembravano decenti e invitanti. Lontano dal delirio delle più grandi città e dal turismo di massa: la gente infatti si ferma qui per una notte o due al massimo per poi incamminarsi sulle colline o verso il lago Inle. Non dovrebbe essere troppo difficile trovare una stanza.

Golden Kalaw Inn
64, Natsin Street, Mineli Quarter
Hotel pulito in una strada tranquilla. Colazione inclusa (continentale e Shan, che è buonissima!) e un bel terrazzo panoramico. Gestito da Tin Tin Shwe, un’energica signora che si è adorabilmente presa cura di noi e che organizza le escursioni, non possiamo che raccomandare questo posto.
: [email protected] :+95 8 150 311
Prezzo: $ 20 (si può richiedere una stanza ai piani alti, più tranquilli per $5 extra)

Hotels e Guesthouse a Bagan e Nyaung-U

Bagan è composta da tre nuclei: Old Bagan, New Bagan and Nyaung-U.

New Bagan è stata costruita di recente quando il governo ha deciso di trasformare la Vecchia Bagan in un sito archeologico e rilocare tutti i residenti. Qui troverete la versione birmana del noto ostello di Milano:

Ostello Bello (Kayay St, New Bagan)
: ostellobello.com : [email protected]

Old Bagan ha pochi hotel e tutti lussiosi. Sconsiglio di considerare questa zona non solo per la poca autenticità degli alloggi ma per le connessioni con la dittatura militare che li controlla e ne assorbe i guadagni.
È meglio invece stare a Nyaung-U, soprattutto se a Bagan arrivate con il battello da Mandalay, che attracca proprio a Nyaung-U. È un posto autentico, con le strade polverose e gli abitanti del luogo che affollano le tea-house, ed è ad una ventina di minuti in bici dai templi di Bagan. Purtroppo abbiamo avuto la sfortuna di finire in una pensione tremenda, non tanto per la qualità della stanza ma per l’ostilità invadente dei proprietari (confermata da numerosi altri viaggiatori): si chiama Large Golden Pot, da evitare ad ogni costo.
Questo sito invece è molto affidabile e qui trovate una lista delle migliori guest house a Bagan.

Food in Bagan

Ristoranti e Tea-house

La nostra alimentazione in Myanmar è stata affidata quotidianamente per lo più alle tea-house (che servono piatti di riso o noodles per $1) e a frutta e fritti venduti al mercato. Ma di tanto in tanto sentivamo il bisogno di un pasto completo, magari in un locale con le pareti e un pavimento. Ma trovare una ragionevole opzione a metà strada fra i baracchini in strada e i lussuosi ristoranti degli hotel per turisti non è sempre facile.

Ristoranti a Mandalay

Lashio Lay
Una volta trovato questo ristorante non l’abbiamo lasciato più. Una specie di teahouse ma più raffinato: infatti ha il pavimento in linoleum e i tavoli di legno. È frequentato da turisti ma anche da molti locali, e il personale non parla nemmeno inglese… buon segno di autenticità. Cucina tipica Shan, scegliete i diversi tipi di carne e verdure nelle vasche all’ingresso; vi verranno portati i piattini insieme a contorni, riso e té verde.

Tea house
Purtroppo di questa tea house non sappiamo il nome, forse non ne ha uno, ma si mangia bene e ci è stata consigliata da Sean, che ci ha sarrozzato un giorno per Mandalay sul suo trishaw. Si trova di fornte alla fermata della navetta AirAsia, sulla 79ma strada.

Ristoranti a Kalaw

Everest
Questo ristorante indiano/nepalese è segnalato dalla Lonely Planet, come si può facilmente evincere dalla clientela. Però è buono ordinato e pulito. Fanno ottimi piatti di curry (4000 kyat) e zuppe (2000). Da provare i loro lassi freschi alla frutta.

Thu Maung
Bel ristorantino su due piani, situato all’inizio della strada principale di Kalaw, più o meno all’altezza della strada che porta al Golden Kalaw Inn. Buoni e abbondanti i curry (3000 kyat), ottima anche la zuppa di noodle (1500 kyat).

Noce di cocco in Birmania

Una rinfrescante noce di cocco. Chiedete di aprirvela quando avete finito, e mangiatene la polpa

Ristoranti a Bagan /  Nyaung-U

Moon
Un altro ristorante “da Lonely Planet” da non perdere. Vegetariano e con un’ampia selezione di piatti molti invitanti, serviti da un personale molto gentile. Un’oasi di pace protetta dal caose delle strade affollate di turisti venditori e motorini, con tando di ninfee e uccellini. Costa un po’ più della media nazionale ma comunque negli standard di Old Bagan. Non sarebbe magari la mia prima scelta ma è stato un sollievo dopo giorni di teahouse polverose e menù incomprensibili.

Tea house a Nyang-U
La mia tea house preferita è quella verde vicono al Golden Hotel, un po’ più in giu lungo la strada. Ci andavo tutti i giorni ordinando esclusivamente Shan noodles (700 kyat) o riso fritto (1000 kyat) e non avevo bisogno d’altro.
Anche la tea house rossa vicino alla Western union è ottima: portano più piattini di contorno e servono birra, ma ormai quando ho scoperto mi ero già affezionato all’altra.

 

Viaggiare responsabilmente in Birmania

La Birmania, o Myanmar, si è solo recentemente aperta al mondo esterno dopo decenni di dittatura militare, che ha formalmente allentato la presa senza però perdere praticamente il controllo del paese. Molti hotel, soprattutto quelli più lussuosi, sono di proprietà – o controllati – del governo. Se volete che la vostra sia una vacanza sostenibile è importante evitare che i vostri soldi finiscano nelle tasche di questi carnefici.

Evitare business governativi

Più facile a dirsi che a farsi: le attività affiliate con la giunta militare non lo sventola certo apertamente. Una buona regola è evitare alberghi troppo evidenti, lussuosi o sfacciatamente piazziati in una zona di valore archeologico o religioso. Pensate ad un albergo di vetro e cemento piazzato di fianco al Colosseo.
Gli hotel che vi abbiamo consigliato in questo articolo sono indipendenti, ovviamente non possiamo esserne certi al 100% ma abbiamo confrontato diverse fonti e in genere la presenza di poster di Aung San Suu Kyi sono in genere un buon segno.
Abbiamo trovato molto utile anche la sezione dedicata alle attività “pulite” sulla guida Insight Guide for Burma.

Distribuire i soldi equamente e localmente

Parlate con le persone, usate i loro servizi, aiutateli. La gente in Myanmar è gentile e generosa e molto disponibile al dialogo. Chiedete a loro consigli e distribuite le spese su tutta la comunità, evitando i posti che sono evidenti trappole per turisti.

Riding a Trishaw in MandalayTrovate maggiori informazioni su questi due siti:

Lasciaci un commento