Cosa Mangiare in Cile

Ovviamente questa è una delle domande più gettonate al nostro ritorno dal viaggio in Cile: cosa e come si mangia? Ecco quindi la nostra risposta…sì è un po’ lunga ma ci siamo fatti prendere la mano! E’ organizzata per temi così è più facile da consultare.

Cosa si beve

Pisco Sour

Non c’è pasto che non inizi senza un buon pisco sour, quindi un post sul cibo in Cile non può essere da meno. Il pisco sour è una bibita tradizionale, seppur le sue origini sono contese fra Cile e Perù, che vedrete spesso sui tavoli dei ristoranti prima dei pasti. E’ un mix composto da

  • 3 parti di Pisco (un liquore locale molto forte, fa 35-40° come la grappa)
  • 1 parte di succo di lime (in realtà è il limon che non si trova facilmente fuori dal Sud America ma che assomiglia molto al lime)
  • 1 parte di sciroppo di zucchero

Si mette tutto nel mixer con un po’ di ghiaccio e un albume di uovo e si shakera. Il risultato è un cocktail, fresco, un po’ aspro, che sembra molto molto meno alcolico di quanto non sia in realtà!

Mote huesillos

Camminando per le strade di Santiago non potete non notare i piccoli stand di mote huesillos, sparsi praticamente ad ogni angolo della città. Diffuso nelle zone più calde è un’ottima bibita, dolce e dissetante. Il succo è ottenuto dalla cottura delle pesche, con aggiunta di zucchero, e vi verrà versato nel bicchiere insieme a qualche pezzo di pesca (che sembra sciroppata) e ad uno strato di grano bollito.

E’ un drink tradizionale, un fondamentale della cultura cilena.

mote huesillos

Birra e Vino

Le birre cilene, per lo meno quelle che trovate normalmente in commercio, non sono certo memorabili, ma nemmeno disdegnabili. Con Escudo e Cristal andate sul sicuro, una bionda tipo Moretti, mentre sicuramente non ordinerei più la Austral: venduta a prezzo esorbitante (per lo meno a Santiago) ha un sapore che si avvicina un po’ troppo alle nostre birre da discount.

Potete andare tranquilli con i vini, anzi, esagerate pure! Se siete degli estimatori del nettare di Dioniso, e fate un po’ fatica ad adattarvi fuori dall’Italia, in Cile troverete parecchi vini assolutamente all’altezza delle nostre abitudini. E potete anche visitare alcune vigne intorno a Santiago se proprio sentite la nostalgia di casa.

Snack

Pebre

Il Pebre è un elemento pressoché immancabile sulla tavola. Generalmente servito insieme a pane caldo, è fatto a gusto e piacimento dello chef. Gli ingredienti cambiano e soprattutto cambiano le dosi, ma siamo riusciti a decodificare una ricetta base:

  • AglioPebre
  • Cipolla
  • Pomodoro
  • Olio e Aceto
  • Coriandolo (se anche a voi dà l’impressione di mangiare una saponetta potete usare il prezzemolo)
  • Peperoncino (non sempre c’è ma un pizzico non guasta)

Se volete cimentarvi ecco un sito che propone una ricetta del pebre. Ci sono anche le immagini nel caso doveste perdervi con lo spagnolo.

Choripan

Questo è indubbiamente il re delle feste all’aperto. Ovunque ci siano bancarelle seguite il profumo e il denso fumo e arriverete ad uno di questi meravigliosi dispensatori di choripan. Che altro non è che un chorizo a salsiccia in un panino, ma, non so se è la suggestione, è buonissimo. Se siete abbastanza impavidi fatevelo ricoprire dal loro trito di cipolle.

Choripan

Empanadas

Parlando di snack non possiamo non citare le ben note empanadas. Le trovate in molti bar o direttamente nei panifici. Il ripieno soddisfa sia un palato vegetariano che il palato di un amante della carne. Ancora più buone se riscaldate al forno, placheranno la vostra fame nell’attesa di un pasto completo!

empanadas

Carne

Cordero e Lomo

Vorrei tanto potervi riportare parola per parola l’affascinante ed appassionata descrizione che Ramon, la nostra guida per la riserva dei pinguini imperatore, ci ha recitato alla domanda “cos’è un cordero?”. Purtroppo non posso dirvi altro se non che è un agnello. Questi agnelli però insieme al lomo (il filetto di una via di mezzo tra vitello e manzo) hanno carni tenerissime e saporite, sarà che crescono liberi e felici in praterie sterminate, liberi di correre quanto vogliono.

Guanaco

Lo vedete scorrazzare tranquillo all’aria aperta..brucando sterpaglie..saltando qualche staccionata..vi fissa in attesa di una vostra foto..iniziate a trovarlo buffo..vi siete quasi innamorati di lui quando…arrivate in un ristorante tipico della Patagonia e nel menù c’è proprio lui: il guanaco. So che può sembrare un comportamento ingiusto e vi farà sentire un po’ dei traditori, ma questa prelibatezza non può essere esclusa dalla vostra dieta cilena! Grazie allo stile di vita che conducono questi animali liberi nelle immense praterie, la carne è asciutta con pochissimo grasso e con solo un accenno dell’inconfondibile gusto di “selvatico” che potreste aspettarvi. Vi verrà servito sotto forma di brasato-spezzatino accompagnato da un sughetto che lo renderà più morbido: imperdibile per la sua unicità!

Guanaco Guanaco too late

Chorillana

Questo piatto ci è stato “venduto” come imperdibile specialità di Valparaiso, ma in realtà diffusa in tutta la nazione. Siamo anche stati indirizzati verso un ristorante molto bello e rinomato per la sua meravigliosa chorillana, che non è altro che un piattone di patatine ricoperte da carne con cipolle e uova fritte. In genere la carne sono pezzetti di wurstel, chorizo e bistecca, le uova possono essere sia intere che strapazzate con la carne. Molto gustoso ma niente di particolarmente esotico.

Chorillana

Pesce

Chupe mariscos

Chupe MariscosIl termine “chupe” indica il metodo di preparazione con cui vengono cucinati vari tipi di carne, pesce, molluschi e verdure, come una specie di stufato. Quello che abbiamo provato noi, al mercato di Santiago, è il chupe marisco, una specie di densa zuppa con molluschi di ogni genere, pan grattato e una spolverata di formaggio, ed è il piatto più buono provato in Cile. E’ incredibile come ciascun mollusco riesca a mantenere il proprio sapore individuale.

Locos

LocosAl ristorante, se ordinerete dei Locos (tradotto = matti) non vi guarderanno strano. Anzi, se siete capitati nella stagione giusta vi guarderanno con approvazione perché è uno dei prodotti migliori della cucina cilena. I locos sono delle capesante giganti, grossi come albicocche, che vengono in genere serviti in maniera molto semplice: bolliti, con un contorno di insalata e patate lesse. E non serve altro perché sono buonissimi. Hanno una consistenza simile a quella del polpo bollito e l’unico pericolo è di strafare. Ordinatene un piatto in due e resistete alla tentazione di ordinarne altri 10, piuttosto tornate il giorno dopo.

Paila

Il nome è fuorviante e può trarvi in inganno: no, non si tratta di un tipo di paella e nemmeno ci si avvicina. Si tratta piuttosto di una zuppa di pesce e frutti di mare quali vongole, locos, e cozze dalle dimensioni mai viste! Il tutto, annegato nel brodo con una manciata di prezzemolo, raggiunge temperature elevatissime, quindi vi consigliamo di attendere qualche minuto prima dell’attacco. State attenti a certi molluschi, soprattutto quelli di colore rosso, a qualcuno potrebbero non piacere. Tipo a me, ad esempio.

Paila Mussel

Dolci e cioccolata

Troppe cose salate descritte finora, una sezione particolare se la meritano i dolci. Impossibile resistere alla tentazione del cioccolato in America Latina: non potevamo andarcene senza averlo assaggiato. Troverete un sacco di bar in cui gustarvi una cioccolata calda o comprare valanghe di cioccolatini di qualsiasi gusto e consistenza!
Per quanto riguarda i dolci non sappiamo cosa consigliarvi visto che non siamo riusciti a trovarne uno che non ci piacesse. Entrate in un panificio/pasticceria e per pochissimo fate razzia di tutte le cose che vi ispirano, fidatevi!

Hot chocolate Dolci

 

 

Lasciaci un commento